Hesperia Hospital, sicurezza e certezza nel futuro della nostra salute


Mission dell’Hesperia Hospital di Modena: rendere un malato sereno e sicuro.


Questo è il difficile compito che si è posto l’Hesperia Hospital, prima come casa di cura privata ed ora come grande complesso sanitario convenzionato. Proprio all’inizio di quest’anno l’ospedale si è dotato di un nuovo modernissimo amplificatore di brillanza per le radiografie. Perché?

Perché durante un intervento di chirurgia o di ortopedia traumatologica è fondamentale dotare lo stesso chirurgo di strumenti che lo aiutino a valutare la situazione dell’operazione che sta facendo, soprattutto per essere in grado di intervenire se si stanno verificando condizioni altrimenti non valutabili. Per esempio, in chirurgia questo strumento si usa per ef- fettuare colangiografie preoperatorie, in urologia per ureterografie.

Invece in ortopedia è peraltro un’apparecchiatura mobile, quindi facilmente spostabile, per effettuare radiografie in diverse posizioni nella medesima area operativa, composto da due parti per scattare o singoli fotogrammi radiografici o per effettuare radioscopie “in continuo”. Ma al di là di questo linguaggio medico, cosa vuol dire per il paziente che si è affidato ad uno dei chirurghi di Hesperia Hospital l’utilizzo di un amplificatore di brillanza?

Che se deve subire, per esempio, un intervento di carcinoma prostatico, o la riduzione di una frattura femorale, quest’intervento sarà monitorato costantemente e nel modo meno invasivo possibile. Per la sua sicurezza e per la certezza, da parte del chirurgo, della riuscita del suo delicatissimo lavoro. Questa è la “mission” di tutta l’attività di una struttura sanitaria altamente specializzata come l’Hesperia Hospital di Modena. Ma non fermiamoci all’amplificatore di brillanza.

Nel nostro viaggio all’interno di questa eccellenza della sanità modenese, il dott. Sergio Morgagni in qualità di direttore generale ed il dott. Stefano Reggiani quale direttore sanitario, ci confermano “E’ stato raddoppiato il servizio di endoscopia digestiva, quale tecnica diagnostica e terapeutica per effettuare piccoli interventi di asportazioni di polipi, arresti di emorragie digestive, cauterizzazione, biopsie e palliazione di tumori avanzati. Ossia, pos- siamo aumentare gli interventi e ridurre i tempi di attesa.

Due risposte che diamo all’aumentata richiesta di colonscopie e gastroscopie nel rispetto dei tempi di attesa massimi previsti in convenzione dal Servizio Sanitario della Regione Emilia Romagna.” Per finire, ci comunicano orgogliosamente sia il Dr. Morgagni che il Dr. Reggiani che sarà operativo, con il 2016, un nuovo sistema informatico che monitorizza tutta l’intera attività dell’Hesperia Hospital.

Perché l’Hesperia Hospital di Modena insegna che si può vivere meglio anche in quei momenti in cui la salute ci abbandona traumatologica l’amplificatore di brillanza trova largo uso nelle riduzioni e osteosintesi di fratture.

[Originariamente pubblicato nel nr.07/2016]

Pubblicato il 2016-02-27