Anna Marchetti, 50 anni di bellezza da indossare


La vita è fatta di tappe e di traguardi. Quest’anno, la modenese Anna Marchetti taglia in qualche modo tutti e due. Una tappa perché la sua carriera continua, e tante donne nel mondo si augurano ancora per molto.


Un traguardo, perché con i 50 anni di storia raggiunti nella propria attività, si entra di diritto in quel ristretto gruppo di “color che sanno”. Se poi si considera che tutto ciò è stato raggiunto da una donna e da una madre, in un settore quanto mai complesso e volatile come la moda, allo
ra vuole dire davvero avere “stoffa” per i vestiti. Ovvero, vuole dire avere una mente in grado di sapere leggere l’attualità, immaginare le tendenze e, senza dubbio, creare quello che non c’è, disegnare oggi cosa piacerà domani.

Magia applicata, si può commentare ammirando la collezione dei suoi abiti, indossati negli anni da bellissime donne come Emanuela Folliero, Barbara Chiappini, Silvia Mezzanotte, ma anche acquistati negli Stati Uniti, premiati in Canada, ammirati ai Pavarotti International o invidiati da milioni di telespettatrici che hanno potuto vederli in soap opera di successo, come Il Bello delle Donne, Centovetrine, Un posto al sole, Incantesimo, Vento di Ponente e tante altre.

Cinquant’anni di carriera, insomma, sono un traguardo non affatto scontato da raggiungere, specialmente quando si inizia realmente da zero. Anna Marchetti, oggi stilista affermata, con atelier e vendita in via Salgari 40 a Modena, showroom in San Babila – Corso Monforte 2 a Milano e boutique in Rue du Chevalier de Saint George a Parigi, è infatti partita avendo in tasca solo tanta passione e determinazione, talenti che è riuscita a trasmettere anche a sua figlia Jessica, anch’ella da anni affermata stilista modenese.

“Quella di disegnare e realizzare vestiti – racconta Anna - è stata una passione che ho coltivato fin da piccola, tanto che ho cominciato con le bambole. Quand’ero bambina, peraltro, c’era l’usanza della sarta che veniva in casa e, quando succedeva, io la seguivo nel suo lavoro per imparare a fare i vestiti per le bambole. Per quanto riguarda i “modelli” che avevo davanti, posso dire che da mio nonno materno ho appreso l’amore per le cose belle e la volontà di fare sempre meglio, da mio padre lo spirito d’impresa e da mia madre la cura nel vestire. Quanto all’idea della moda, credo che sia stata sempre innata in me”.

Anna, nata sulle colline modenesi (precisamente a Prignano sulla Secchia), ha quindi intrapreso la propria carriera di stilista nel 1966, disegnano alcuni vestiti per signore di Modena e Bologna. Che piacquero fin da subito. Tanto da fare capire a quella giovane ragazza che il suo futuro doveva essere proprio nella moda. E lei, immediatamente, ha preso le cose sul serio, fondando quella maison che ancora oggi porta il suo nome e all’interno della quale lavora praticamente tutta la sua famiglia, compresi il marito Franco Giuliani (responsabile economico finanziario) e la già citata figlia Jessica.

Quale il segreto di tanto successo? “Crediamo e investiamo – spiega ancora Anna Marchetti – nell’eleganza sobria, armoniosa e molto femminile, all’insegna della classe, dello stile, della sublimazione della personalità della donna che indossa i nostri capi d’abbigliamento e sceglie i nostri accessori. Creiamo abiti che mettono le donne a loro agio, le fanno sentire libere, serene e realizzate. Donne che vogliono essere e apparire protagoniste, nelle loro attività, nelle loro professioni, in ogni momento della loro vita”. 


ESSERE ANNA


E' disponibile anche il libro autobiografico “Essere Anna”, curato da Fabrizio Vaccari ed edito da Edizioni Della Casa. Nel volume, disponibile nelle migliori librerie ed edicole di Modena, ma si potrà acquistare anche sul sito www.annamarchetti.it, sono raccontati in modo accattivante e coinvolgente 50 anni di amore e passione per il mondo della moda, ripercorrendo una carriera che ha portato il marchio “Anna Marchetti” ad essere richiesto e acquistato in tutto il mondo. Il ricavato del libro sarà devoluto, in parte, in beneficenza. La realizzazione del libro ha coinvolto Edizioni Della Casa e di Arte di Vivere a Modena che, con il loro contributo, condividono con Anna Marchetti un profondo amore per la città della Ghirlandina, per la sua Storia, Arte, Cultura e solidarietà. 



Pubblicato il 2016-07-31