Così ho creato golosità per palati fini


La sensibilità enogastronomica di Egidio Montanari si riflette nei preziosi prodotti da lui scovati lungo la penisola.


Luoghi di bontà 
ove eccelle l’arte del gustare. Entrare nell’accogliente locale di Porta Bologna, la sua Bottega di Mastro Egidio, è come tuffarsi in un tempio magico in cui gli spazi domestici riescono ad essere insieme raffinatissimi ed accoglienti. è il gusto italiano, non solo modenese, che trionfa in questa architettura che ricorda le atmosfere di un “bistrot” di fine ‘800. Dove ogni prodotto sembra vivere di una propria bontà, dove alla fine tutto si lega armonicamente.

Sui banconi e lungo gli scaffali c’è tutto ciò che fanno grandi le eccellenze del buon cibo e del buon bere e che è impossibile non notare: un culatello di zibello DOP, un Parmigiano Reggiano 36 mesi di Bibbiano, la dove è nato questo formaggio “mondiale”. Una bottiglia di Sassicaia Marchesi Incisa della Rocchetta, i tortellini autenticamente “fatti in casa” da “rezdore” modenesi.

Sapori quasi introvabili, scrigni avvolge, come nei tortellini, un ricco ripieno di Prosciutto di Parma, fedeli di un meraviglioso tempo antico. E l’artefice di questo viaggio è uno dei più grandi scopritori di bontà gastronomiche del nostro paese: Egidio Montanari. Autentico emiliano di vantate origini contadine, nella bassa tra le province di Modena e Reggio Emilia, per lui  “creare” qualità non significa affatto rifugiarsi nell’orizzonte protetto di una tradizione, ma affacciarsi al nostro tempo. 

Ecco che nasce negli anni ’80 a Soliera, a pochi chilometri da Modena, Italia dei Sapori. I suoi sono trent’anni di ricerche, di prodotti autenticamente genuini, di maestri gastronomi, di grandi vinificatori. 

Nel suo peregrinare dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, quante volte gli è capitato di trovare, con sorpresa lungo qualche strada percorsa chissà quante volte, un piccolo produttore con un meraviglioso prodotto che poi diventa subito acquisto per la Bottega di Mastro Egidio. 

 Ecco che allora lungo il bancone salumeria scopri la Pancetta Piacentina, la Mortadella “Favola”, il salame Felino. Ed i formaggi sono da meno? Italiani, francesi e perché no inglesi come lo Stilton e il Cheddar. Pasta fresca fatta in casa? Il livello superiore della Bottega arriva a vette estreme perché i tortellini o i tortelloni sono fatti tutti i giorni e proprio per questo da consumare in giornata per assaporarne appieno gusto e sapore. Il segreto? La sottile trama di pasta che avvolge, come nei tortellini, un ricco ripieno di Prosciutto di Parma, Parmigiano Reggiano e Mortadella bolognese.

La ricotta fresca di giornata se parliamo di tortelloni, ricotta e spinaci o la zucca per quelli più delicati alla Mantovana. Egidio Montanari, questo signore dai più elevati carnet di “gourmandise” che ha portato a Modena, la sua Bottega di Mastro Egidio, afferma:

“Non mi considero affatto un industriale del cibo. Anzi il mio desiderio sarebbe quello di conoscere, uno ad uno, tutti coloro che entrano nella mia bottega e che prodotti acquistano. Capire i loro gusti. Un dialogo aperto con una città che ha visto, nella sua storia, figure incredibili che ho sempre ammirato e che mi hanno ispirato, come la Salumeria Giuseppe Giusti e il negozio di Telesforo Fini. Storie da condividere, tradizioni da continuare. Ho voluto la mia Bottega in un luogo storico di Modena, là dove negli anni ’60 e ’70 fu ospitato il mito della 'Beat Generation' con Guccini, l’Equipe 84 ed i Nomadi. E voglio dare sempre a questa città, famosa nel mondo per i suoi prodotti DOP e IGP, una boutique di salumi, formaggi, vini, paste fresche ciò che avrà sempre un incomparabile valore aggiunto: l’eccellenza. Perché solo così l’alta gastronomia per me diventa piacere puro."

[Tratta dalla pubblicazione originale nel nr.07/2016]

Pubblicato il 2016-03-15